Come puoi contattarci: scrivici una mail su CONTATTI |chiamaci al cell.

Il Nostro Blog

La Mensa dei Poveri a Corigliano

caritas

Succede qualcosa di importante la sera, intorno alle 19:00, a Corigliano Centro vicino la piazzetta di S. Antonio.

Un centinaio di persone si mettono in fila davanti alla Mensa dei Poveri della Caritas.

Sono soprattutto immigrati, a cui viene offerto un pasto caldo.

Nel 2009 l’ Arcivescovo, Monsignor Marcianò, ha fortemente voluto una Mensa dei Poveri. Questo importante servizio alla comunità ha, così, potuto prendere il via nei locali nella piazzetta di S.Antonio, in pieno centro storico.

Questa iniziativa nasce, oltre che dall’esigenza di assicurare un piatto caldo, anche dalla necessità di creare un momento di aggregazione per i numerosi immigrati presenti sul nostro territorio.

Con il loro lavoro nei campi, partecipano attivamente allo sviluppo della nostra economia locale che è basata principalmente sull’agricoltura.

Naturalmente la mensa è accessibile anche alle persone del posto meno abbienti che non possono permettersi un pasto caldo al giorno.

L’istituzione di una mensa dei poveri è stata fondamentale anche per una presa di coscienza di una situazione difficile che esisteva, che sembrava passare inosservata, ma con la quale si doveva invece fare i conti e affrontarla.

E la comunità coriglianese ha risposto.

L’apertura della mensa è stata sostenuta, sin dal primo giorno, dalla partecipazione di volontari che si alternano e si prodigano sia nella preparazione che nella distribuzione di oltre 100 pasti caldi.

I volontari iniziano a preparare il cibo e i locali dalle 17:30. la cena viene servita alle 19.00: un primo, un secondo, la frutta e l’acqua. A chi ha qualcuno a casa che l’aspetta viene offerta una merenda.

Le risorse della mensa provengono dai fedeli delle parrocchie del centro storico, dai commercianti che donano i prodotti dei loro negozi, dai proprietari dei fondi agricoli che offrono frutta e verdura.

Si tratta dunque di un impegno condiviso dalla comunità e sentito come necessario.

Leave a Reply