Come puoi contattarci: scrivici una mail su CONTATTI |chiamaci al cell.

Nobel Per La Medicina 2013

Una importante scoperta che potrà essere d'aiuto nella lotta all'Alzheimer

Nobel Medicina 2013 a tre biologi per il sistema di trasporto nelle cellule. Studi importanti anche per combattere l’Alzheimer

Premio Nobel per la medicina 2013

Quest’anno il Nobel per la medicina è andato ai tre scienziati James E. Rothman, Randy W. Schekman e Thomas C. Südhof, “per le loro scoperte sul funzionamento del traffico vescicolare, il sistema più importante di trasporto tra le nostre cellule”.

Così si legge nell’annuncio ufficiale.

“Ogni cellula – continuano gli scienziati che hanno assegnato il Nobel – è come una fabbrica che produce ed esporta molecole”.

Queste molecole vengono trasportate tra le cellule in piccoli contenitori, chiamati vescicole.

I tre vincitori hanno scoperto i principi molecolari che governano questo sistema di trasporto e smistamento e che permettono a ogni carico di essere consegnato al posto giusto e al momento giusto“.

La scoperta è importantissima ed interessa noi dell’Associazione perchè spiega che un cattivo funzionamento di questo sistema, può portare anche a malattie neurologiche, come l’Alzheimer.

Questi studi sono, quindi, un ulteriore passo verso la prevenzione e la cura dell’Alzheimer.

Radio tre scienza nel corso della puntata dell’8 ottobre, ha intervistato la Professoressa Banos, docente del dipartimento di biologia e biotecnologia Charles Darwin, della Sapienza di Roma.

Nel corso dell’intervista la professoressa spiega: “queste vescicole sono come dei pacchi, che si trovano all’interno della cellula e comunicano con i diversi scompartimenti in cui la cellula divide le sue diverse funzioni. Noi pensiamo che le molecole (quasi tutte proteine) che devono essere mandate in diverse postazioni, siano prodotte in un posto centralizzato, dal quale vengono spedite a destinazione attraverso le vescicole”.

La Professoressa illustra, poi, i diversi ruoli che hanno assunto i tre scienziati nella scoperta di questo sistema.

“Pensiamo a questa produzione come ad una fabbrica di proteine: la scoperta del Prof Schekman riguarda la formazione iniziale delle proteine: quindi come i pacchi vengono formati.

Dopodichè questi pacchi vengono mandati alle diverse destinazioni e devono essere riconosciuti per far si arrivino alla destinazione corretta.

La scoperta del prof Rothman riguarda questo riconoscimento, che è condizionato, anch’esso, molecolarmente.

Una volta arrivate, perchè le molecole siano riversate nell’ambiente esterno, necessitano di un meccanismo che faccia si che le vescicole vengano rilasciate al momento giusto: questo meccanismo di “Timing” è stato caratterizzato dal Prof Südhof”

Nel momento in cui questo meccanismo di timing non funziona c’è il rischio di malattia, soprattutto a seguito di mutazioni. “queste vescicole, sono particolarmente importanti, ad esempio, per la segnalazione tra neuroni, all’interno del sistema nervoso. Un problema di comunicazione tra neuroni, porta a malattie neurologiche, degenerative”

Quindi ” se il gene che porta la mutazione è stato identificato come un gene coinvolto nel traffico vescicolare, si potrà capire meglio qual è la patologia molecolare in quella malattia.

Tra le malattie che potranno essere studiate c’è sicuramente l’Alzheimer, il parkinson o il diabete. In ogni caso, ci sono molte malattie che in futuro potranno essere collegate l malfunzionamento del sistema.

Per ascoltare l’intera puntata del Programma Radio 3 Scienza, da cui questa intervista è estrapolata, clicca sul link: Radio Tre Scienza

Leave a Reply